Skip to content

Gli errori del portale Italia.it: la notizia parte dai blogger e arriva alla carta stampata.

27 gennaio 2010

Oggi sul Corriere di Romagna –  Cronaca di Ravenna del quotidiano cartaceo – si parla degli strafalcioni storici sulla città di Ravenna pubblicati nel portale Italia.it. Errori mica da poco secondo i quali il Mausoleo di Teodorico diventa gotico, Ravenna diventa capitale per la terza volta nel 1600 e via dicendo. Ma quel che mi ha colpito è che nell’articolo si dice che probabilmente “qualcuno” si è accorto di questi errori e li ha segnalati al ministero: tanto che oggi i testi sul portalone nazionale  sono stati corretti, seppure con frasi generiche. Ma chi è il “qualcuno” che ha fatto la segnalazione di cui parla il giornalista? L’articolo dice che non è stato certo il servizio turismo della Regione, né della Provincia e neppure quello del Comune di Ravenna.
Io non saprei dire per certo chi ha fatto questo nobile gesto, ma un sospetto ce l’ho.
Infatti le informazioni riportate nel quotidiano oggi 27 gennaio mi erano note da almeno due settimane, apprese da una fonte “non ufficiale” , cioè il blog Senza Aggettivi. Per esattezza a questo blog ero arrivata seguendo un link pubblicato in un post di Roberta Milano, docente ed esperta di web marketing per il turismo. L’articolo del Corriere di Romagna però non fa riferimento ad alcuna di queste “fonti non ufficiali” mentre sottolinea l’iniziativa di un politico locale che accortosi degli errori, ha preso carta e penna per scrivere al Ministero del turismo “come stanno  le cose a Ravenna dal punto di vista storico”.

Peccato. Sarebbe stato bello che nell’articolo apparissero due righe per segnalare che sul web esiste e opera una efficiente rete di blogger che con spirito critico ma molto collaborativo segue con molta attenzione e competenza – ormai da anni! –  sorti e sviluppi del portale Italia.it. Segnala errori,  commenta aggiornamenti tecnologici, controlla il funzionamento dei database, denuncia gli sprechi di soldi. Sono professionisti del turismo, esperti di web marketing, docenti universitari o normali cittadini che amano commentare, verificare e approfondire quel che gli accade attorno. E salvo qualche rara eccezione seguono un preciso codice di comportamento che tra le altre” regole”  ha quella di pubblicare il link al sito dove hanno trovato la notizia e di citare sempre da chi e dove hanno appreso un’informazione.

4 commenti leave one →
  1. 27 gennaio 2010 11:43 am

    La cosa che mi lascia più perplessa è che segnalano che la cosa è stata “scoperta” dal capogruppo di una lista di opposizione. 🙂

    • lidiamarongiu permalink*
      27 gennaio 2010 1:52 pm

      Esatto Elena…una strana scoperta dell’opposizione:)

  2. Paolo Betti permalink
    27 gennaio 2010 4:34 pm

    Già, e la notizia – probabilmente comunicato stampa – era anche su RavennaNotizie e Ravenna24ore (sul primo potete anche scoprire l’autore)🙂

    • lidiamarongiu permalink*
      27 gennaio 2010 10:50 pm

      Si è vero Paolo e anche nei casi che segnali si parla di questo qualcuno generico…

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: