Skip to content

A chi serve il BTO?

15 novembre 2010

Il BTO arriva alla sua terza edizione. Io ho visto in streaming la prima, dal vivo la seconda e di certo non mi perderò la terza. Il BTO è un format molto particolare: un po’ “borsa” (secondo il significato turistico del termine) e qui si incontrano buyers molto innovativi sul web e sellers che hanno intuito le potenzialità dell’innovazione; un po’ occasione di incontri e soprattutto molta formazione, scoperta, apprendimento e fascinazione. Insomma un format per condividere e scambiare conoscenza. Ma non quella che ti serve a capire cosa è accaduto ieri (quella è tipica ad esempio della BIT di Milano con le sue analisi su arrivi e presenze aggiornate ad un paio di anni fa) ma quello che accadrà domani, e dopodomani e forse anche fra cinque anni. E anche quello che sta accadendo oggi, per il quale magari non si è tutti pronti ma si fa in tempo a rimediare.
Per questo al BTO si scrivono più di 2000 persone, si accreditano centinaia di giornalisti e blogger e partecipano albergatori curiosi, agenti di viaggio preoccupati ma attenti al futuro, tecnici e politici che hanno  compreso le opportunità del web 2.0 dopo averne temuto le minacce,consulenti, esperti ed entusiasti del travel 2.0.
Tutti questi lo sanno bene a chi e a che cosa serve il BTO.

Ma secondo me serve anche ad altri. Ad esempio.

A chi gestisce una struttura ricettiva di qualunque tipo e preso dalla febbre del web 2.0 ha aperto profili su ogni social network riempiendo bacheche di pubblicità e promozioni senza ottenere alcun risultato.

A chi negli enti pubblici decide come destinare le risorse per la promozione del turismo e pensa di usare i social network (solo) perché servono pochi soldi e poche competenze ma poi piange su pagine Facebook con 200 amici (di cui metà sono parenti costretti a iscriversi…)

Ai comunicatori e pubblicitari che quando pensano alla comunicazione turistica non riescono a superare il binomio (pardon trinomio!) culi-tette-spiaggia o spiaggia-bambini-famiglia o testimonial pagati a peso d’oro.

Ai tanti operatori che vedono le recensioni negative come una calamità naturale peggio dell’invasione delle cavallette e pensano che l’unica possibilità di contrastarle è far scrivere recensioni positive su di sé ad amici, parenti, figli, cugini …a tutti insomma tranne ai clienti veri davvero soddisfatti.

Agli imprenditori e dirigenti pubblici che commissionano ricerche e indagini di mercato che vanno bene solo se dimostrano “che la mia azienda, provincia o regione non ha niente da imparare da nessuno” (ma se la ricerca dimostra il contrario finisce in un cassetto e si butta via la chiave).

Ai consulenti esperti di turismo che devono ancora farsi una ragione di come le 4 p del Kotler non bastino più a risolvere i problemi del marketing  turistico ma soprattutto a coglierne le opportunità (Ahimè qui la situazione è tale che servono almeno due o tre edizioni del BTO…)

Ecco secondo me a tutti questi il BTO serve. E anche con molta urgenza.

Perché al BTO queste persone potranno capire cosa sta accadendo nel turismo, come il web ne sta cambiato valori e modelli di business, chi sono i protagonisti dell’innovazione, come fare scelte che aiutano a fare non solo “more business” ma anche “better tourism”. Ma soprattutto potranno capire un fatto straordinario che con i miei colleghi dello  Studio Giaccardi e Associati abbiamo studiato e analizzato a lungo con il progetto Fattore K: l’investimento in conoscenza migliora le performance economiche di imprese turistiche e territori.
Secondo me migliora anche le persone: ma su questo parlano i fatti non servono ricerche.

BTO

13 commenti leave one →
  1. 15 novembre 2010 11:38 am

    Brava Lidia, ottimo articolo. Ci vediamo al BTO.

  2. Jennifer permalink
    15 novembre 2010 12:51 pm

    Io aggiungerei anche “studenti di comunicazione”, vist0 che purtroppo la formazione non aiuta a conoscere i nuovi sviluppi in questo campo ma è rimasta alla preistoria. Sono tanti gli esempi da cui impare!😉

    • lidiamarongiu permalink*
      15 novembre 2010 1:30 pm

      Eh già hai ragione, grazie! e allora già che ci siamo mettiamoci anche gli studenti di economia del turismo che male non fa:)

  3. stefano permalink
    15 novembre 2010 1:45 pm

    .. e mettiamoci pure i docenti che dovrebbero insegnare gestione ed organizzazione delle imprese turistiche

    • lidiamarongiu permalink*
      15 novembre 2010 2:04 pm

      …e mettiamoceli e magari iniziamo a pensare a un master BTO?🙂

  4. 15 novembre 2010 4:52 pm

    Si insomma diciamo che fa bene un pò a tutti perchè sempre di cultura si parla. Sia per quelli che fanno mestieri che appartengono al mondo del settore turistico sia per quelli che si stanno avvicinando per la prima volta alla materia “web 2.0” e “travel 2.0”🙂 E’ sicuramente una bella occasione, e per chi come me l’ha vissuta l’anno scorso sa di cosa parlo, e per quelli che come me quest’anno non potranno esserci…bè…credetemi che perderete una bella opportunità di crescita🙂

    • lidiamarongiu permalink*
      15 novembre 2010 7:16 pm

      Danilo ci mancherai ma mi sa che avremo modo di raccontarti e condividere tutto comunque:-)

  5. Andrea permalink
    16 novembre 2010 9:36 am

    Spero davvero che tutti quei soggetti che hai elencato arrivino a frotte (ma su qualcuno aihmé ho qualche dubbio). E spero a una prossima edizione di poterci essere anch’io!
    In bocca al lupo e anche (perché no?) buon divertimento!

    • lidiamarongiu permalink*
      16 novembre 2010 5:35 pm

      Grazie Andi e spero anche io che nella prossima edizione ci potrai essere…cerro che se te la organizzi per tempo:)

  6. 17 novembre 2010 11:51 am

    bel post! ci vediam domani!

  7. 9 gennaio 2011 8:57 pm

    Ogni tanto e’ piacevole rileggere i vecchio post, tipo questo prima di partire per “l’avventura”.

Trackbacks

  1. Perchè il BTO fa bene al paese | il blog di Michele d'Alena

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: