Skip to content

La realtà aumentata nella promozione turistica. Il caso Ferrara

30 maggio 2011

Sabato 28 maggio a Ravenna si è svolto il convegno Città d’arte, la realtà è aumentata, promosso dalla Confesercenti Ravenna nell’ambito del programma della Borsa delle 100 città d’arte. Ill convegno,  moderato da Carlo Zauli presidente del gruppo Federpubblicità, è stato dedicato a due argomenti principali: la georeferenziazione, di cui ha parlato Niels Guerrini, responsabile di Cambiamenti web  presentando il progetto Cycler, e la realtà aumentata. A me è spettato il compito di spiegare cosa è e come è utilizzata la tecnologia dell’augmented reality nella promozione turistica introducendo così la presentazione del caso di successo di Ferrara,  presentato magistralmente dalla brava Lucia Ghiglione (servizio turismo della Provincia di Ferrara).

Nel mio intervento ho parlato del  caso  della Toscana (in cui Tuscany + è parte della infrastruttura di comunicazione “Voglio vivere così”) e di Torino, la prima città italiana a taggare monumenti e punti di interesse con i TAG Microsoft.  Il tutto contestualizzato rispetto a quattro dati che ritengo di grande importanza per comprendere senso e utilità di un’applicazione di realtà aumentata per la promozione turistica:

  • 428 milioni di cellulari venduti nel mondo nei primi 4 mesi del 2011: di questi il 23,6 % sono smartphone
  • 16,5 milioni di italiani possiedono uno smartphone
  • 31,6 miliardi di euro il valore della net economy in Italia nel 2010
  • 14,3 miliardi il fatturato dell’e-commerce in Italia: 31,4% è del settore turismo.

 

Le slide del mio intervento

 

Emozioni Tipiche Garantite: il caso Ferrara presentato da Lucia Ghiglione

L’applicazione della realtà aumentata a Ferrara è un bell’esempio di come la tecnologia può essere impiegata per migliorare e arricchire l’esperienza del turista in un territorio. Ma è soprattutto la dimostrazione che la tecnologia funziona se utilizzata a sostegno di una visione, di un progetto strategico di marketing capace di stare in piedi… anche senza l’ultimo “tools” tecnologico. Sviluppata con Layar, l’applicazione di Augmented Reality realizzata a Ferrara, permette di visualizzare attraverso lo smartphone le informazioni di diversi POI (point of interest) ma anche di individuare gli esercizi commerciali dove spendere un plafond di buoni sconto per prodotti e servizi classificati come “portatori di emozioni”.

Infatti ETG -Emozioni tipiche Garantite è innanzitutto un progetto di comunicazione e  marketing territoriale che attre il turista facendo leva sulle emozioni che il territorio è in grado di evocare. E in questo sta l’originalità del progetto  anche perché “certificare le emozioni” è un ossimoro comunicativo in cui l’irrazionale (le emozioni) sono declinate con il linguaggio del razionale titpico di procedure e marchi di qualità. Così Mare, Arte, Natura, Enogastronomia, Cicloturismo, Eventi diventano prodotti turistici che garantiscono emozioni tipiche quali Sorriso, Stupore, Serenità, Piacere, Passione e Entusiasmo.  Non male no?

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: