Skip to content

Luigi Zingales si dimette: “i politici italiani devono imparare ad essere accountable”

18 febbraio 2013

luigi zingalesAvendo conosciuto Luigi Zingales di persona la sua dichiarazione e le sue appena annunciate dimissioni da “FARE per Fermare il Declino” non mi sorprendono neppure un po’. Zingales si dimette perché Oscar Giannino ha dichiarato il falso in merito ai suoi titoli di studio. Ma non solo. Invitato ad ammettere l’errore, Giannino si sarebbe rifiutato. E per Zingales questo è stato troppo: un comportamento non “accountable” non è appropriato per chi si candida predicando meritocrazia e trasparenza. Touchè.

Ma quanti italiani sono pronti a fare questo ragionamento? Quanti italiani sono pronti a dire no a un partito dove le persone non sono “accountable”? Noi italiani abbiamo idea di cosa significhi essere accountable nel resto del mondo?

In realtà non solo il temine accountable non fa parte del nostro linguaggio, ma neppure dei nostri criteri di scelta di voto.

Noi tolleriamo e rivotiamo per i politici che si fanno pagare dai faccendieri le creme da 200 euro a barattolo, che vanno a mignotte, che organizzano “eleganti” feste con minorenni travestite, che si ritrovano case intestate, che spostano miliardi di denari senza lasciare tracce scritte….Insomma siamo “abituati” a tanti e tali atti abominevoli che una falsa dichiarazione su un titolo di studio ovviamente ci sembra un peccato veniale. E ci sorprendiamo che nella vicina Germania i ministri si dimettano quando si scopre che trentanni prima hanno copiato la loro tesi di laurea. Ci stupiamo perché le bugie, la corruzione, il non dover mai dare conto di quello che siamo e facciamo e divenuto intrinseco del nostro modo di essere cittadini ancora prima che politici.

Noi italiani saputo dell’affaire Giannino avremmo chiuso un occhio, avremmo tollerato, avremmo detto “fossero solo queste le bugie della politica”. Noi italiani avremmo fatto finta di niente. Ma Zingales no.  E nel suo non far finta di nulla ci offre una bella lezione. Dite che la capiremo?

Ecco il testo pubblicato su Facebook delle dimissioni di Luigi Zingales

Mie dimissioni da Fare per Fermare il Declino 

E’ con una disperazione profonda che ho rassegnato le mie dimissioni da Fare per Fermare il Declino. Dopo aver avvisato i vertici ieri, lo faccio oggi in modo pubblico, perché ho trascinato molte persone in questo movimento e mi sento in dovere di spiegare loro le ragioni della mia scelta. Io credo nella trasparenza, anche in queste scelte. 

Non mi dimetto certo perché sono in disaccordo con le proposte di Fare. Sono fiero della campagna elettorale che è stata fatta e ringrazio Oscar Giannino, Michele Boldrin, e tutti quanti per l’enorme sforzo che vi hanno dedicato. Credo fermamente nelle idee che abbiamo portato avanti insieme. Ma ho sempre pensato che anche le idee più sane abbiano bisogno di gambe sane. Finora, con tutte le difficoltà e tutti gli errori di un movimento nato in fretta, Fare aveva realizzato un piccolo miracolo, selezionando per lo più liste di persone brave e pulite. Grazie alla difficoltà della battaglia solitaria, gli arrivisti si erano concentrati principalmente altrove. 

Ma scegliere persone brave non basta. Per cambiare l’Italia c’è bisogno anche di rigore nel metodo: onestà, trasparenza, ed accountability, che significa che tutti, a qualsiasi livello, devono rendere conto agli altri del proprio operato. Purtroppo negli ultimi giorni mi sono reso conto che questi tre principi non sempre si applicano al vertice di Fare. Dopo aver provato, per quattro giorni, a fare di tutto per cambiare le cose, non mi resta che una via di uscita: dimettermi. 

I fatti sono i seguenti. Quattro giorni fa, per caso, ho scoperto che Oscar Giannino ha mentito in televisione sulle sue credenziali accademiche, dichiarando di avere un Master alla mia università 
(http://tinyurl.com/bksptrf) anche se non era vero. Anche la sua biografia presso l’Istituto Bruno Leoni ora prontamente rimossa (http://www.brunoleoni.it/nextpage.aspx?Codice=0000002280&level1=2165&nome=Oscar+Giannino ) riportava credenziali accademiche molto specifiche e, a quanto mi risulta, false. Questo è un fatto grave, soprattutto per un partito che predica la meritocrazia, la trasparenza, e l’onestà. Ciononostante, il fatto per me ancora più grave è come questo brutto episodio è stato gestito. In una organizzazione che predica meritocrazia, trasparenza, ed onestà, la prima reazione avrebbe dovuta essere una spiegazione di Giannino ai dirigenti del partito, seguita da un chiarimento al pubblico. Invece Oscar si è rifiutato, nonostante io glielo abbia chiesto in ginocchio. 

In un’Italia in cui ogni giorno un amministratore delegato o un politico finiscono in galera per corruzione, una bugia in televisione può sembrare un errore veniale. Per me non lo è: rompe il rapporto fiduciario tra cittadini e rappresentanti politici. Gli italiani sono alla disperata ricerca di leader politici di cui potersi fidare. Ma come possono fidarsi di un candidato leader che mente sulle proprie credenziali accademiche? In aggiunta, tollerare queste falsità mina alla base la credibilità di un movimento. Nessuna organizzazione e nessun partito possono essere completamente esenti dal rischio di disonestà e corruzione. L’unico modo per proteggersi è una politica di tolleranza zero che cominci fin dai vertici. In questo caso, purtroppo, Fare ha fallito. 

Per fortuna Fare non è solo Oscar Giannino. Ci sono decine di migliaia di attivisti fantastici che stanno lavorando sodo per cambiare l’Italia. Il mio cuore è con loro. Fare rimane la proposta politica migliore in questo momento molto difficile. Per questo voterò Fare. Ma, lo farò turandomi il naso, come il meno peggio, non con la passione con cui finora avevo abbracciato questo progetto. 

Mi auguro che dopo le elezioni Fare si trasformi, come promesso, in un partito democratico, in cui tutti, a cominciare dal leader, siano accountable delle loro azioni e ci sia tolleranza zero per certi atteggiamenti. Solo così Fare potrà evitare di degenerare nel solito marciume politico italiano. Anche la Lega e Forza Italia erano cominciate con grandi ideali: guardate come sono finite. Speriamo che a Fare non tocchi la stessa sorte.

2 commenti leave one →
  1. 18 febbraio 2013 6:01 pm

    Hai colto il punto.
    Ho letto e riletto quanto pubblicato fino ad ora sull’argomento, ed hai stra ragione!

  2. lidiamarongiu permalink*
    19 febbraio 2013 9:07 am

    Grazie, anche se l’avere ragione è una magra consolazione. In effetti i commenti che si sono susseguiti nella pagina Facebook di Zingales sono principalmente tesi a “sminuire il fatto” e mettere sotto accusa la troppa intransigenza di Zingales….

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: